mercoledì 6 febbraio 2008

FEEDBACK NEGATIVI ADDIO 

Grosse novità in casa ebay.

A partire da Maggio prossimo, negli Stati Uniti, il famoso sito di aste online eliminerà il sistema dei feedback negativi per i compratori.

Il gioco delle aste è supportato da un sistema di commenti che vengono lasciati da compratori- e venditori- in base all'esito della trattativa avvenuta e alla soddisfazione ottenuta da entrambe le parti. I commenti, sommati, danno vita alla 'reputazione' di un utente.
Una ricerca americana ha stabilito che i commenti -feedback- negativi verso gli acquirenti non risultano attendibili e sono solo il risultato di ripicche tra le parti, quindi non hanno un effettivo valore. Il venditore 'offeso' da un commento negativo per la scarsa qualità del suo prodotto, si vendica con un commento negativo sull'acquirente.


I venditori sono in rivolta perchè non si sentono tutelati da questa nuova politica di ebay e minacciano uno sciopero...
E in Italia??? Aspettiamoci significative novità...

2 commenti:

flydutch ha detto...

Forse eliminare il feedback degli acquirenti è eccessivo, ma sicuro cosi come andavano le cose non andava bene.
Mi spiego:
Un buon acuirente fa l'asta e paga. A questo punto il venditore ha avuto quanto gli spetta e DEVE rilasciare feedback positivo.
Invece attualmente si è arrivato all'assurdo che l'acquirente deve rilascare il feedback per primo se vuole il suo...
I venditori scorretti o lenti o insomma non positivi usano come ricatto nei confronti di persone che hanno già pagato sulla fiducia nei termini prescritti dal venditore.
Il venditore deve poter rilasciare feedback negativo solo se l'acquirente è NON PAGANTE basta!!
Solo questo può tutelare altri venditori!!!
Non feedback positivi ottenuti sotto ricatto!

Anonimo ha detto...

verissimo ciò che dici, è capitato più volte anche a me di dover lasciare necessariamente per primo un feedback positivo; devo però aggiungere che cancellare i feedback per gli acquirenti potrebbe forse portare ad una situazione opposta: crescerebbero il numero di utenti che (potendosi non preoccupare dei feedback) farebbero offerte inutili, senza voler davvero un prodotto...penso di debba arrivare ad una soluzione meno drastica e che tenga conto in maniera più equa di entrambe le parti.

knives